Kontaktlinsen Ratgeber

Scudo protettivo, strumento di guarigione e armadietto dei medicinali: 10 fatti straordinari sulle lenti a contatto

N. 1 Le lenti a contatto possono fare (quasi) tutto

Le lenti a contatto possono correggere quasi tutti i difetti visivi: miopia, ipermetropia, astigmatismo, presbiopia - a voi la scelta. E questo senza che si noti quanto è marcato il difetto visivo del portatore di lenti. Che sia meno 7 o meno 17 diottrie, la lente corregge anche disturbi visivi complessi in modo invisibile per gli altri.

N. 2 Le lenti a contatto come scudo protettivo contro i pollini

L'idea di respingere i corpi estranei per l'occhio inserendo un corpo estraneo nell'occhio può sembrare strana. Nel caso delle lenti a contatto, tuttavia, questo può davvero essere utile. Le lenti agiscono infatti come uno scudo protettivo contro i pollini che svolazzano tenendoli lontano dagli occhi, poiché i pollini si posano sulle lenti e non direttamente sugli occhi. Ciò richiede eventualmente una pulizia delle lenti in più al giorno, ma può rappresentare un sollievo per gli allergici.

N. 3 Le lenti a contatto agiscono durante la notte

Lasciare le lenti a contatto negli occhi mentre si dorme è uno dei maggiori fattori di rischio per i portatori di lenti. Ma esiste un'eccezione: speciali lenti rigide notturne. Si chiamano «lenti ortocheratologiche», in breve lenti Ortho-K, e vengono indossate esclusivamente mentre si dorme. Esercitano una delicata pressione sulla cornea dell'occhio deformandola in modo che la persona riesca a vedere nitidamente senza lenti durante il giorno. In ogni soggetto la deformazione deve ovviamente avvenire in modo diverso. Pertanto, le lenti Ortho-K devono sempre essere adattate alla persona.

N. 4 Le lenti a contatto in gravidanza: rotondità ovunque

Si sa che la gravidanza porta un grande cambiamento nella vita e può influire anche sulla tollerabilità delle lenti a contatto, perché il corpo non cambia solo nelle parti visibili.

Kontaktlinsen Schwangerschaft

Photo by William Stitt on Unsplash

Anche gli occhi possono crescere sotto l'influsso degli ormoni compromettendo quindi la tollerabilità delle lenti finora comode. Le donne incinte che improvvisamente hanno problemi con le lenti devono rivolgersi a un esperto di lenti a contatto. Potrebbe infatti essere utile cambiare le lenti a contatto per il particolare periodo.

N. 5 Le lenti a contatto come armadietto dei medicinali

Che le lenti a contatto siano straordinarie è già chiaro (no?). Così piccole e poco appariscenti ma con un grande effetto. La storia di successo continua perché si parla già del fatto che le lenti a contatto possano rilasciare i medicamenti in modo mirato negli occhi per trattare efficacemente le malattie degli organi della vista. Allo stesso tempo, i ricercatori lavorano con molta attenzione sulle lenti che possono misurare anche altre funzioni corporee, quale la concentrazione di zucchero presente nel sangue. Tema interessante!

N. 6 Lenti a contatto: blocco UV incluso

In estate gli occhiali da sole fanno parte del corredo per proteggersi dall'abbagliamento e dai raggi UV. Ma sapevate che molte lenti a contatto hanno un filtro UV integrato? Ciò consente di respingere le pericolose radiazioni dagli occhi. Ma non si può del tutto rinunciare agli occhiali da sole perché la lente a contatto copre soltanto una parte dell'occhio.

N. 7 Meno acqua, più comode

Quando le piante sono secche, vengono innaffiate - semplice e logico. Nel caso delle lenti a contatto questo ragionamento non funziona. Anzi, vale l'inverso: in caso di occhio secco spesso è meglio una lente con un ridotto contenuto di acqua rispetto a una con molta acqua. Il motivo è che una quantità elevata di acqua nella lente causa una forte evaporazione nell'occhio. Di conseguenza una lente ad alto contenuto di acqua richiede altra acqua all'occhio. Spesso le lenti a contatto rigide con un ridotto contenuto di acqua rappresentano la soluzione migliore per le persone con occhi eccessivamente secchi.

N. 8 Consigli - buone intenzioni ma...

Per prodotti della vita quotidiana possiamo affidarci ai consigli di amici e conoscenti ma non per le lenti a contatto. E questo non a causa degli amici e dei conoscenti ma dei loro occhi: in fondo sono completamente diversi dai nostri. Ogni persona ha un proprio «profilo oculare» che determina quali lenti a contatto sono adatte agli occhi e quali no. Una valutazione simile, tuttavia, può essere formulata solo da chi conosce molto bene il nostro profilo oculare: l'esperto di lenti a contatto. È l'unico che può esaminare la situazione in base ai parametri appropriati: materiale, forma e intervalli in cui indossare le lenti.

N. 9 Bambini e lenti a contatto?

Cosa dite: da quale età si possono portare le lenti a contatto? 13? 16? O solo a partire dai 18 anni? È corretto affermare che anche i ragazzi molto giovani possono indossare le lenti a contatto, teoricamente. Perché è fondamentale che sappiano utilizzare le lenti, ovvero essere in grado di applicarle e rimuoverle da soli, pulirle correttamente e rispettare i tempi in cui indossarle.

Kinder Kontaktlinsen

Photo by Hannah Tasker on Unsplash

A volte i bambini al di sotto dei 10 anni sono più abili di alcuni teenager a cui, per antonomasia, non importa nulla (l'importante è apparire belli nelle foto di Instagram). Ma attenzione, i ragazzi al di sotto dei 16 anni necessitano dell'autorizzazione dei genitori per indossare le lenti a contatto.

N. 10 Lenti a contatto da record

Stephen Curry, professionista americano di basket che gioca con i Golden State Warriors, indossa le lenti a contatto da quest'anno. In breve tempo il fenomeno delle triple nell'NBA è riuscito così ad innalzare la sua già impressionante quota di successo nelle triple dal 33 al 54 %. Il giocatore soffre di una malattia degli occhi chiamata cheratocono in cui la cornea si assottiglia e si deforma in modo irregolare.

E chi l'ha corretta? Ovviamen